Video

Loading...

lunedì 27 giugno 2011

E TU CHIAMAMI MIMI'!

Devo ammettere che mi sono molto divertito con alcuni servizi di Pino Maniaci sul viaggio a New Jork del Sindaco di Partinico e dei suoi accompagnatori ,a far visita alla comunità di partinicesi che in quella città ha anche un club intitolato alla Madonna del Ponte. Avevo pensato di scrivere un post affrontando la vicenda in maniera leggera , con quel tanto di sarcasmo che non guasta nelle vicende locali , avendo sempre rispetto delle persone come é giusto che sia ma mettendone in risalto vizi, tic,debolezze, elementi caratterizzanti che trasformano una personalità in un personaggio.

martedì 21 giugno 2011

LE DISAVVENTURE DI TOTO' MARROCCO INTESO FACCHINEDDA, DIPENDENTE PRECARIO DEL COMUNE DI PARTINICO

Ci siamo occupati di recente,con un nostro post, della vicenda di un cittadino di Partinico invalido all'85%, disoccupato con moglie pur essa senza lavoro e due piccoli figli. Il suo reddito:250 euro al mese con il quale pagare anche l'affitto . Da circa un anno non é stato più nella condizione di pagare il canone per cui viene sfrattato e quanto prima sarà costretto a lasciare quell'alloggio. .Si rivolge al Sindaco di Partinico che non lo vuole ricevere ,un assessore lo invita, se vuole un'abitazione, a “scassare” uno dei tanti alloggi dello IACP in stato di abbandono, non utilizzati,dati in subaffitto da padroncini che di case ne hanno altre ma mantengono quella dell'Istituto in totale disinteresse colpevole del nostro Comune .

domenica 19 giugno 2011

MA AMERICA ASSASSINA IL MIO CORPO NON AVRAI...

M'accucchiaru, i farabutti maccucchiaru!” .Il grido penetrò le imposte opportunamente e repentinamente abbassate dall'amabile sua germana e si diffuse in tutto quel quartiere che va da piazza Ascone ,gira per la scuola Ten.La Fata ,risale da via del Sole alle spalle degli alloggiamenti di Peppone ,tocca il punto vendita del Consigliere Tandem&'Ntrea e ritorna a piazza del Monumento ai Caduti rintronando di nuovo dentro la dimora attraverso le persiane come quando il vulcano scatenato erutta fuoco ,fiamme, lava e travolge tutto e tutti. Un grido straziante si diffuse sinistro. Un grido di quelli che fa rizzare la pelle facendola somigliare a quella dell'oca quando qualcuno a questo incolpevole pennuto tira il collo ed il misero corpo viene investito da oscillazioni pendolari .

giovedì 16 giugno 2011

L'ON. PINO APPRENDI, L'ING. CATALANO ED IL GIORNALISTA FEDERICO ORLANDO

C'é una televisione privata , Tele Rent che ha sede a Palermo e si diffonde ampiamente anche sul nostro territorio , che alle ore 7 di ogni mattina realizza una trasmissione con un conduttore ,due ospiti e la possibilità di intervenire telefonicamente da parte dei telespettatori . Di questa trasmissione si occupa anche un giornalista partinicese,Federico Orlando. Proprio ieri mattina Orlando durante la trasmissione confidava pubblicamente come lui in questa tornata referendaria avesse sposato le ragioni del SI pur essendo simpatizzante del centro destra .

sabato 11 giugno 2011

IL SEGRETARIO GENERALE DEL COMUNE? E CU' MI RAPPRESENTA?

Quanti Segretari comunali avrò conosciuto da quando nel 1970 entrai per la prima volta nel Consiglio comunale di Partinico? Sicuramente molti. Tra questi ne ricordo alcuni per la loro indiscussa professionalità,oltre che serietà e signorilità ,rispetto delle istituzioni e del ruolo ricoperto, oggettività nelle decisioni , senso della misura ,conoscenza approfondita di leggi e regolamenti. La maggior parte delle mie conoscenza risalgono alla cosiddetta “prima Repubblica” quando il Segretario comunale era un autorevolissimo funzionario dello Stato e non certo come oggi ,purtroppo, al servizio di un sindaco o di un sindachicchio di turno.

martedì 7 giugno 2011

A SCANSO DI EQUIVOCI SI TRATTA DI "TOCCAMENTI....."

Li videro confabulare per tutta la durata dei lavori. Lui si rivolgeva al consigliere comunale con circospezione guardandosi attorno. L'intendimento era chiaro: non far sentire nulla a chi stava loro vicino. I suoi disistimatori ( una schiera indefinita di invidiosi ) rizzarono le antenne . “Ma come-dissero tra di loro - non lo avevamo sentito con le nostre orecchie dire che con gli amici di “pizzet” non avrebbe mai più né parlato,né preso un caffé? Non aveva detto che costoro gli avevano impedito di fare carriera politica tarpandogli le ali al punto da costringerlo a costruirsi un immaginario circolo della fu Margherita per avere udienza tra gli sfasciallitti che organizzarono la trombatura di Peppone dopo ,però,avere abboccato all'amo o per meglio dire “abbuccatu 'u cantaru”?

sabato 4 giugno 2011

IL MINISTRO ROMANO, IL SINDACO SPASIMANTE, AFFARI E GRANDI MELE

ll giornale “il Fatto Quotidiano “di ieri si occupava diffusamente del ministro Saverio Romano sottoinchiesta per mafia. Questo personaggio della politica siciliana allevato alla scuola di Cuffaro e dell'ex ministro Mannino e che a Partinico ha diversi spasimanti tra i quali primeggia il Sindaco  Salvo Lo Biundo, pare che non sia interessato soltanto alla politica ma anche agli affari immobiliari. Infatti il ministro che dispone di una società intestata a lui ,alla moglie e al cognato - la Roma Uno Immobiliare- ha realizzato una serie notevole di acquisti di immobili a Milano tra cui anche un hotel a 4 stelle.

mercoledì 1 giugno 2011

IL SINDACO CHE SI INCHINA AI POTENTI E FA CACCIARE DAL COMUNE IL POVERACCIO!

Devo ammettere che prima di scrivere questo post ho a lungo meditato. Pensavo e ripensavo a quel che mi era stato riferito. Si trattava di una fonte attendibile? Certamente. Tuttavia durante l'ascolto del racconto saliva una rabbia incontenuta che, sicuramente, stravolgeva il mio viso alterandone anche il naturale colore. Dicevo a me stesso che non era possibile che nella nostra città potessero ancora accadere queste cose,quotidianità certo durante la cosidetta prima repubblica ed originate con la fine dell'ultima guerra quando la miseria dalle nostre parti si “tagliava col coltello” e continuata, poi ,fino alla fine degli anni '90 quando sembrava che la classe politica di governo avesse tagliato con queste consuetudini miserabili che umiliavano chi già umiliato era per mancanza di lavoro o per altri impedimenti sociali. E  tali metodi erano durati decenni ,umiliato intere generazioni, ingrassato di voti alcuni miserabili politicanti della prima repubblica privi di scrupolo, dignità, rispetto delle miserie dei poveri.